Segnalazioni di vigilanza armonizzate: FINREP E COREP

savecg_immagini22_3

La direttiva e l’applicazione

Il 1° gennaio 2014 entra in vigore la quarta direttiva sui requisiti patrimoniali Capital Requirements Directive IV (CRD IV) e il relativo regolamento Capital Requirements Regulation (CRD IV/CRR) introdotti dall’EEA (European Economic Area) e dalla EBA (European Banking Authority).

La CRD IV ha lo scopo di attuare l’accordo di Basilea III nell’Unione Europea in tema di vigilanza contabile e prudenziale.La direttiva prevede una regolamentazione degli standard di reporting volta a garantire comuni criteri di costruzione della reportistica nell’area euro e stabilire, inoltre, quali dati le banche devono trasmettere all’authority e con quale frequenza.

Questo pacchetto legislativo rafforza il quadro prudenziale per le singole istituzioni e risponde alle preoccupazioni di stabilità sorte durante l’ultima crisi bancaria. Inoltre, produce trasparenza ed aiuta il colloquio tra gli istituti di credito e il regolatore favorendo la condivisione dei dati tra gli intermediari finanziari e gli organi di vigilanza.

 

FINREP e COREP

Tra le varie reportistiche di segnalazione armonizzate che le imprese soggette a tali norme (imprese di investimento e bancarie, in Italia ulteriormente estese alle società finanziarie limitatamente ad alcune informazioni sul Corep) devono produrre ai fini statistici e prudenziali sono stati istituiti Il FINREP e il COREP, acronimi rispettivamente di Financial Reporting e Common reporting.

 Il FINREP (report su informazioni finanziarie) deve essere redatto dalle società di investimento, banche, gruppi finanziari sottoposti alla direttiva del Capital Requirements Directive IV (CRD IV) e che utilizzano i principi contabili IFRS o nazionali (NGaap)

L’authority utilizzerà le informazioni, derivanti dalla reportistica a livello individuale e consolidato, per definire il profilo qualitativo di rischio o di funding legato a diversi fenomeni quali il rischio e la liquidità e il grado dei vincoli di bilancio che l’ente vigilato presenta. La possibilità di utilizzare criteri standard per la redazione dei report di segnalazione a livello europeo offre agli organi di vigilanza la possibilità di individuare gli aspetti critici di ogni intermediario, anche grazie alla comparazione con altri protagonisti del settore.

Il sistema di raccolta dati è inoltre sempre in costante evoluzione, basti pensare alle recenti implementazioni legate al rilevamento dei finanziamenti oggetto di moratorie ai fini della pandemia di Covid-19.

 Il COREP (report relativo alle segnalazioni prudenziali) permette di generare i dati relativi al primo pilastro del regolamento di Basilea in formato armonizzato e le informazioni su liquidità, contenimento della leva finanziaria ed esposizioni rilevanti. La segnalazione si impone come obiettivo un migliore livello di trasparenza e un più alto grado di uniformità nei requisiti del capitale di rischio. L’istituto di credito, per soddisfare le esigenze della normativa, deve inviare all’organo preposto alla vigilanza i dati relativi alle diverse classi rischio:

  • Rischio di credito e controparte
  • Rischio operativo
  • Rischio di mercato
  • Rischi di concentrazione (grandi esposizioni)
  • Solvibilità del gruppo
  • Adeguatezza patrimoniale.

La reportistica creata per soddisfare i requisiti legislativi e la vigilanza armonizzata sono stati definiti dall’EBA tramite gli Implementing Technical Standards – ITS, ovvero un insieme di norme tecniche di attuazione/schemi finalizzati a implementare i sistemi di reporting e uniformarli a livello europeo. Gli ITS definiscono il template dei dati da utilizzare e le informazioni necessarie per la redazione.

Anche per il Corep, analogamente a quanto indicato su Finrep, i modelli sono in costante evoluzione, basti pensare che nel prossimo biennio sono previste rilevanti integrazioni sia negli schemi segnaletici, sia nell’ampliamento delle informazioni raccolte e delle loro successive integrazioni con la normativa che verrà in previsione rilasciata (cd Basilea 4).

Scopri TIGREARM

La suite applicativa e di controllo delle informazioni bancarie e finanziarie.

Clicca sul bottone e vai alla pagina dedicata ai moduli TIGREARM oppure richiedi una DEMO gratuita

savecg_immagini22_4

Iter procedurale e ambiti di applicazione

Le segnalazioni di vigilanza armonizzate FINREP e COREP vengono fornite dagli enti vigilati alla Banca d’Italia (primary reporting), che a sua volta le trasferisce alla Banca Centrale Europea (secondary reporting). Entrambe sono basate sul Data Point Model(DPM) edevono essere prodotte secondo il formato XBRL (Extendable Business Reporting Language). Tale base dati è così granulare che può essere utilizzata, a pieno titolo, dalla Business Intelligence per ulteriori approfondimenti aziendali.

In merito alla frequenza,le segnalazioni vengono inviate con cadenza trimestrale e l’ambito di applicazione riguarda sia il consolidato che l’individuale per il COREP e per il FINREP. Vi sono poi ulteriori semplificazioni secondo il principio della progressività, che tendenzialmente alleggeriscono l’insieme informativo per gli enti minori e meno complessi, ovvero che non sono qualificabili come capogruppo (“solo” reporting).

I report COREP e FINREP, che sono altamente standardizzati in termini di contenuto e formato diconsegna, possono rappresentare una sfida significativa per molte istituzioni.  Risulta di grande importanza quindi la correttezza del dato disponibile (data governance) e la solidità del processo interno relativo alla gestione dell’informazione da parte del lato IT.

Una valida suite informatica offre l’opportunità di ottenere una visione globale di lungo termine del proprio modello strategico e operativo alla luce di requisiti di rendicontazione normativa sempre più crescenti e complessi.

 

Soluzioni per le segnalazioni di vigilanza armonizzate: TIGREARM

Segnalazioni Armonizzate: survey armonizzate chiare e controllate. Il modulo di primary reporting delle segnalazioni armonizzate strutturato per gestire sia gli aspetti tecnici quali:

  • Linguaggio Xbrl
  • Tassonomia

…sia gli aspetti qualitativi quali:

  • Modelli in formato excel (Corep, Finrep, Leva, Large Exposure, Liquidità, etc.), rigorosamente tradotti in italiano;
  • Valori di dominio delle singole informazioni, esposti con la doppia codifica “codice” e descrizione in italiano;
  • Validation Rules EBA, BCE e personalizzazioni di Banca d’Italia, trasformate in un semplice report di errori.

I principali punti di forza del modulo sono:

  • Intuitività nella gestione di eventuali anomalie diagnosticate
  • Semplicità e trasparenza, date dal fatto che l’impianto (descrizioni, tabelle di supporto, decodifiche) è integralmente tradotto in italiano
  • Velocità di elaborazione e di eventuali processi di rettifica/date-entry, che consentono all’utilizzatore di arrivare velocemente al risultato formalmente corretto in termini di controllo diagnostico preventivo
  • Conformità (compliance) normativa alle strutture utilizzate, alle versioni in essere e precedenti (versioning dei diversi Dpm)

I principali vantaggi del modulo riguardano la duplice possibilità di:

  • navigazione dei dati (drill-down all’interno dei template e dei report prodotti)
  • determinazione di indicatori di riferimento qualitativi per analisi (data mining) interne sul patrimonio dei dati e il grado di posizionamento della banca stessa per dette grandezze.

Come tutti i moduli TigreArm, il modulo è web-based e consente così la fruibilità anche in smart-working.

Scopri TIGREARM

La suite applicativa e di controllo delle informazioni bancarie e finanziarie.

Clicca sul bottone e vai alla pagina dedicata ai moduli TIGREARM oppure richiedi una DEMO gratuita