ANALYTICAL CREDIT DATASET (Anacredit)

Informazioni

  Banche


  Roma- 19 luglio 2017 e Milano - 20 luglio 2017


  luglio 2017

Il tema dell’armonizzazione dei dati, o meglio la raccolta granulare dei dati creditizi, è uno dei fondamentali progetti in seno alla vigilanza macroprudenziale europea. Le motivazioni a tale ampia enfatizzazione non possono essere certo ricomprese in poche righe illustrative del presente convegno. Si può tuttavia cercare di cogliere alcuni spunti utili, trattati anche nel convegno presente.

I dati analitici sul credito completano un processo informativo volto a cogliere le varie prospettive di analisi di un unico bisogno, indispensabile e imprescindibile, da parte del regolatore: la conoscenza, perché solo da questa possono essere prese decisioni consapevoli. Dati di buona qualità, sistemi di controllo che, intersecando le diverse variabili, pongono in luce fenomeni spesso “sottotraccia” e consentono di toccare con mano lo spessore qualitativo del sistema creditizio nel suo genere.

A livello nazionale la nostra Banca Centrale ha da tempo intrapreso tale via; è storia recente la nuova segnalazione NPL (segnalazione sulle posizioni in sofferenza), ma anche se ripercorriamo a ritroso le richieste segnaletiche ci imbattiamo nella base LD, e prima ancora (e potremmo dire “in tempi non sospetti”) il flusso di decadimento dei prestiti.

La consapevolezza è pertanto alta e, conseguentemente, anche il numero delle informazioni richieste è rilevante.

Alla luce di quanto sopra, il presente convegno intende delineare il nuovo percorso teso a soddisfare le esigenze, segnaletiche nello specifico, senza tuttavia dimenticarsi dei principi di coerenza e di governance qualitativa dei dati che contribuiscono a creare tale segnalazione.

Considerando quindi i temi particolarmente trasversali, ma tra loro connessi, non viene richiesta una particolare preparazione tecnico-normativa, privilegiando invece l’interdisciplinarietà del convegno, allargato a tutti i servizi aziendali che a vario titoli concorrono a formare il governo dei dati creditizi (Organizzazione, Rischio, Crediti, IT, Accounting, Audit e Compliance).



Pubblicato il 19/7/2017