AGGIORNAMENTO EBA DEGLI ORIENTAMENTI PER VALUTARE L’EQUIVALENZA DEI REGIMI IN MATERIA DI SEGRETEZZA PROFESSIONALE DELLE AUTORITÀ DI PAESI TERZI

Informazioni

  Banche e intermediari finanziari


  EBA


  Orientamenti

In data 3 maggio 2022, l’Autorità bancaria europea (EBA) ha pubblicato un aggiornamento dei suoi orientamenti per valutare l’equivalenza dei regimi di riservatezza e in materia di segretezza professionale delle autorità di paesi terzi, per ampliare l’ambito e il fine della valutazione.

Negli ultimi anni, l’EBA ha supportato le autorità competenti dell’UE nella valutazione dei regimi in materia di segretezza professionale delle autorità di paesi terzi, per facilitarne la partecipazione ai collegi delle autorità di vigilanza dell’UE, conformemente all’articolo 116(6) della direttiva sui requisiti patrimoniali (CRD).

Il regolamento sull’istituzione dell’EBA, inoltre, affida espressamente a quest’ultima l’incarico di monitorare i quadri di vigilanza e normativi dei paesi terzi, stabilendo un collegamento più stretto tra equivalenza e cooperazione con le autorità di paesi terzi mediante accordi di cooperazione. Analogamente, le disposizioni contenute nella direttiva sui requisiti patrimoniali (CRD), nella revisione della direttiva sui servizi di pagamento (PSD2), nella direttiva sul risanamento e la risoluzione delle banche (BRRD) e nella direttiva antiriciclaggio (Anti-Money Laundering Directive, AMLD) prevedono tutte la possibilità, per le autorità UE, di sottoscrivere accordi di cooperazione con autorità di paesi terzi.

Alla luce di ciò, l’EBA ha aggiornato gli orientamenti sull’equivalenza del regime di riservatezza di paesi terzi, per consentire:

  • di ampliare l’ambito della valutazione, ossia includere tutte le pertinenti disposizioni contenute nella CRD, PSD2, BRRD e AMLD, come applicabile alle specifiche autorità di paesi terzi;
  • di ampliare il fine della valutazione, ossia supportare gli accordi di cooperazione e facilitare la partecipazione ai collegi delle autorità di vigilanza, risoluzione e AML (anti-money laundering, antiriciclaggio).

Inoltre, l’EBA ha aggiornato anche il documento che mostra le modalità con cui il quadro UE rispecchia i principi che disciplinano il regime di riservatezza nell’UE, come definito dalle pertinenti disposizioni nella CRD, BRRD, AMLD e PSD2.

Il modulo “REN+” della suite TigreArm permette di consultare il documento originale in lingua inglese e la sua traduzione in italiano.



Pubblicato il 4/5/2022

 

Conosci già i nostri potenti software?